Scambio di bitcoin sudafricano, Navigazione principale


Redazione Nove da Firenze 19 luglio La notizia, l'ultima di questo tipo, è trapelata da poco sui scambio di bitcoin sudafricano nazionali sudafricani e quelli internazionali, ma ha fatto più che scalpore: due fratelli sudafricani sono "scappati" con più di Per mettere le cose in prospettiva, al momento della "fuga", questa cifra equivaleva a qualcosa come 3,6 miliardi di dollari.

scambio di bitcoin sudafricano

I due fratelli sudafricani erano infatti a capo di un'importante piattaforma chiamata Africrypt, la quale è stata chiusa con un inganno in fretta e furia, prima di scappare col malloppo: una quantità spropositata di cripto depositate e scambiate nel loro exchange. Se questi numeri possono far impressione ad alcuni, ad altri potrebbero non sembrare un gran che. Intorno a Bitcoin BTC circolano interessi milionari.

scambio di bitcoin sudafricano

Ed è anche per questo che sempre più persone stanno provando nuove metodologie di investimento in criptovalute le tanto discusse nuove valute virtualianche con programmi come Bitcoin Evolution ad esempio.

La dinamica degli avvenimenti Secondo le notizie più recenti, le prime avvisaglie di quanto sarebbe avvenuto si hanno avute nell'aprile di quest'anno, quando uno dei due fratelli, il giovanissimo diciassettenne Ameer Cajee avrebbe cominciato a informare i suoi clienti di essere stati vittima di un attacco informatico. Ma è qui che le cose si fanno realmente sospette: i due comunicano ai propri clienti di essere stati hackerati ma di non rivolgersi alle autorità, arrivando a supplicarli, per evitare rallentamenti o sequestri.

Questo mix avviene solitamente inserendo le monete virtuali in un unico luogo detto pool letteralmente: pozzail quale poi una volta accumulato un certo numero di cripto le restituisce sotto forma di altre valute tutte diverse e provenienti da indirizzi elettronici non rintracciabili.

Le conseguenze Ad oggi, chiunque avesse investito con la compagnia "AfriCrypt" si è visto recapitare una mail in cui si spiegava come la piattaforma stesse chiudendo a seguito del millantato hackeraggio di massa sul proprio sito.

Ma non è l'unico caso, ecco i più rilevanti Fonte Pixarbay Bitcoin, furto da milioni di dollari: la piattaforma digitale di exchange Poly Network, in seguito a un attacco hacker, si è vista portar via quasi mezzo miliardo di dollari in cripto asset Ben milioni di dollari in cryptovalute sono stati recentemente rubati. A rivelarlo è Poly Network, una piattaforma digitale che connette diverse blockchain. Si tratta di uno dei maggiori furti di monete virtuali. Gli hacker, secondo le prime voci, avrebbero approfittato di una vulnerabilità di Poly Network per rubare oltre milioni di dollari, secondo quanto valutato dalla società di sicurezza SlowMist. Per ora, sarebbero stati restituiti circa 4,8 milioni di dollari.

Come conseguenza della chiusura, tutti i conti e i wallet ivi presenti sono stati congelati. Da allora, i due fratelli Ameer and Raees Caje si sono resi irreperibili. Questa serie di eventi ha portato il reparto della polizia sudafricana dedicata ai crimini relativi alle frodi e agli evasori fiscali ad attivarsi, mentre la corte suprema di Gauteng ha iniziato un'ingiunzione di liquidazione verso i fratelli.

scambio di bitcoin sudafricano